Apertura SPORTELLO D’ASCOLTO E DIALOGO

Apertura dello SPORTELLO D’ASCOLTO E DIALOGO

Lo sportello d’ascolto si configura come un servizio di consulenza gratuito pensato per rispondere alle più svariate problematiche della cittadinanza. I diversi utenti (giovani, lavoratori, studenti, docenti, genitori, immigrati) possono condividere, con garanzia di anonimato, i propri vissuti problematici e rileggerli secondo modalità più adeguate attraverso uno o due colloqui con un professionista, un adulto competente in grado di ascoltare, recepire, promuovere e sostenere coloro che vi si rivolgono.

Posso essere varie le tipologie di sportello:

•    Dialogo e confronto, dove si favorisce soprattutto la nascita di un punto di vista diverso sulla propria situazione, si aiuta la persona ad avere più chiarezza, a gestire e meglio tollerare le contrarietà, le tensioni e a prendere decisioni su cosa accettare e cosa modificare.

•    Per studenti e insegnanti, per combattere il disagio scolastico e migliorare il modo di sentirsi nel proprio posto insieme agli altri.

•    Per immigrati, rivolto ai problemi legati all’integrazione e alla conoscenza del territorio.

•    Mondo del lavoro, per tematiche legate al disagio lavorativo come stress lavorativo, mobbing, burn-out e disoccupazione.

•    Legale, uno spazio e un tempo dedicato al mondo del diritto, nel quale si cercherà di dare ove possibile una consulenza sulle problematiche attinenti la sfera del mondo del diritto. E’ un momento per costruire un dialogo inerente a diritti, responsabilità e obblighi in modo da sapersi meglio gestire nella vita quotidiana. La consulenza spazia dal diritto civile a quello penale, minorile e di famiglia.

 

Lo sportello d’ascolto e dialogo è utile quando…

dobbiamo prendere una decisione difficile che riguarda la nostra vita personale o professionale;

dobbiamo raggiungere un obiettivo che ci siamo posti, ma incontriamo delle difficoltà;

ci troviamo di fronte ad una scelta lavorativa;

vogliamo riorganizzare le nostre relazioni familiari, magari in seguito ad una separazione o ad un divorzio;

i figli diventano grandi e lasciano la loro famiglia d’origine;

quei figli siamo noi e non sappiamo più come rapportarci alla nostra famiglia d’origine;

si costruisce o si ri-costruisce un nuovo nucleo familiare;

incontriamo dei problemi nella vita di coppia;

incontriamo difficoltà nella carriera scolastica (ad esempio siamo bloccati nella scelta dell’università o nel sostenere un esame);

ci troviamo in una situazione dove sentiamo di non farcela da soli.

Lo Sportello d’ascolto si rivolge ai Soci ANCeSCAO del Centro Acquedotto e a tutta la cittadinanza. Vi si accede scrivendo a sportelloascolto@scuoladicounseling.it per  prenotare un colloquio informativo o inviando un messaggio al n. 347/5226708 o al n. 338/8816368 per consulenze legali.

Sabato 30 marzo dalle ore 10.00 presso il Centro Acquedotto di Corso Isonzo 42-42/a Ferrara sarà presentato il progetto. Gli interessati potranno avere un primo contatto con gli operatori e sarà possibile prenotare un primo appuntamento per Martedì 9 e 16 aprile dalle 16.00 alle 18.30.